DITTA SEMENTIERA BIOLOGICA - riseria biologica una garlanda riso biologico biodiverso piemonte

Risaie Biodiverse generano Cibo Naturale, Tradizionale, Sano.

CERTIFICATO DAL SEME FINO AL PIATTO

Risaie Biodiverse generano Cibo Naturale, Tradizionale, Sano.
Vai ai contenuti
La vita parte da un seme !!!
La grande importanza che diamo ai semi come germogli di vita,
ci ha portato a creare quella che ci risulta essere
la prima Ditta Sementiera Biologica
responsabile della conservazione e produttrice di antiche varietà di riso.

Questo ci permette non solo di conservare e diffondere agro-biodiversità,
condividendola con altri agricoltori, ma anche,
di utilizzare e commercializzare esclusivamente seme certificato Biologico
e di evitare le deroghe che la legge prevede in mancanza di sementi certificate,
purtroppo oggi utilizzate per la stragrande maggioranza della produzione risicola biologica.

Scopri la casa dei semi resilienti

Una Garlanda è Custode e "responsabile della conservazione in purezza"
di 8 antiche Varietà da Conservazione:
Bertone e Originario Chinese, Lencino, Chinese Ostiglia, Nano, Dellarole, Precoce Gallina, Precoce 6
(Vedi Decreti MIPAAF GU n. 257 del 05/11/2014, n.105 del 08-05-2017, n.119 del 24-05-2018).

Ogni anno queste  e molte altre varietà storiche, vengono tenute in vita
attraverso una attenta moltiplicazione in-situm ( semina di piccole parcelle in risaie sperimentali)
dove i semi anno dopo anno si adattano ai terreni al clima e ad una agricoltura senza "supporti artificiali"  
Si vengono a creare generazioni "resilienti" forti di quelle caratteristiche
più adatte all'ambiente naturale che le ospita e nutre.

Per questo i semi commercializzati dalla Ditta Sementiera Una Garlanda
danno il meglio di sè, abbinati ad un modello di agricoltura Biologico, Biodinamico, Policolturale.
.
Dal 2020 siamo inoltre distributori ufficiali di semenze certificate biologiche di riso varietà Carnaroli Classico!

Se sei interessato alle schede dei nostri semi e dettagli sulle disponibilità, scrivici!

Scopri la Memoria della cultura contadina
Torna ai contenuti