IL METODO stocchi - riseria biologica una garlanda riso biologico biodiverso piemonte

Risaie Biodiverse generano Cibo Naturale, Tradizionale, Sano.

CERTIFICATO DAL SEME FINO AL PIATTO

Risaie Biodiverse generano Cibo Naturale, Tradizionale, Sano.
Vai ai contenuti
Il  METODO STOCCHI, è la tecnica agronomica “scoperta”,
dopo proficui esercizi di paziente osservazione della natura,
che oggi ci permette di coltivare il riso senza l’uso di nessun tipo di prodotto chimico
e nessuna concimazione, neppure quelle consentite dalla normativa del biologico.
.
L’inizio fu una prima osservazione, da parte di Fulvio Stocchi, nel 2003,
fatta su una porzione di terreno dove l’aratro non aveva rivoltato le zolle:
un ambiente particolare dove la competizione con le altre piante, terrestri, anfibie ed acquatiche,
permetteva al riso di crescere sano e rigoglioso.

Solo dopo anni di tentativi, decine di prove di miscele di erbai diversi,
con vari tempi di allagamento e asciutta e riduzioni delle lavorazioni,
ci hanno portati a definire una metodologia replicabile ed estremamente  valida,
di recente confermata da studi Ministeriali accreditati (progetto Riso Bio-System)
con il nome di “ Pacciamatura Verde”
.
In sintesi i passaggi di coltivazione sono:
  • La semina autunnale di erbai Polifiti su terreni poco lavorati.
  • La semina primaverile del riso, a spaglio direttamente sul prato che nel frattempo è cresciuto formando una buona massa vegetativa.
  • La trinciatura o “allettamento” del prato con successiva immissione dell’acqua nelle camere di risaia.
  • Il monitoraggio della fermentazione del materiale organico che, tolta l’acqua dopo pochi giorni, forma uno strato simile ad una “pacciamatura” naturale, protettiva e nutriente per i chicchi di riso.
  • La reintroduzione dell'acqua che viene lasciata per tutto il periodo vegetativo delle piantine di riso.
  • L’ambiente Umido crea le condizioni ottimali per permettere al riso di germogliare e svilupparsi.
  • L'eventuale intervento meccanico per inibire certe erbe commensali che crescono insieme al riso.
  • La raccolta
.
  • Vengono così eliminate molte forme di inquinamento
come i fitofarmaci, i fungicidi e i concimi artificiali o derivanti da scarti animali;
ridotte drasticamente le usure dei mezzi agricoli, con la conseguente
riduzione del 75% dell’utilizzo di combustibili fossili.

Alla tecnica abbiamo aggiunto un importante e concreto,
investimento sull’ambiente, con più di 15.000 alberi e cespugli che agevolano
tutte le forme di vita acquatiche e terrestri creando un cibo speciale…. “biodiverso”


Una tecnica agronomica semplice ed efficace
messa a disposizione per la tutela
della natura, del cibo che mangiamo e della salute!!!.
.
C2S11715279.jpg
C5-CO-P1020412.jpg
C15-CO-P1020558.jpg
C34-Be-15-giugno-2015-121.jpg
C45-RM-P1020603.jpg
C51-sov-IMG_4749.jpg
C91-BE-3-anno-su-sodo-P1020562.jpg
C91-BE-3-anno-su-sodo-P1020566.jpg
campo-MaPi-2019-(6).jpg
correttaIMG_6969.jpg
correttaIMG_6976.jpg
DSC_2201.jpg
DSC_2324.jpg
DSC_2380.jpg
DSC_2493.jpg
IMG_5183.jpg
IMG_5191.jpg
IMG_5356.jpg
IMG_5426.jpg
IMG_5435.jpg
IMG_5436.jpg
IMG_5567.jpg
IMG_5821.jpg
IMG_6660.jpg
sovesci-con-argini-fioriti-(23).jpg
Torna ai contenuti