SCIENZA E RICERCA - riseria biologica una garlanda riso biologico biodiverso piemonte

Risaie Biodiverse generano Cibo Naturale, Tradizionale, Sano.

CERTIFICATO DAL SEME FINO AL PIATTO

Risaie Biodiverse generano Cibo Naturale, Tradizionale, Sano.
Vai ai contenuti
Misure del Piano d'Azione Nazionale (PAN)
L'azienda Agricola Una Garlanda è stata oggetto di studio
come campione rappresentativo per un progetto finanziato dal MATTM
e coordinato da ISPRA, realizzato tra il 2015 e il 2020
in collaborazione con ARPA Piemonte, ARPA Lazio, Università degli Studi di Torino,
Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

Tale sperimentazione ha analizzato le differenze tra
coltivazioni convenzionali e biologiche in risaie e vigneti (in Piemonte),
seminativi e noccioleti (nel Lazio), partendo dall’assunto che il metodo biologico - policolturale
sia quello più compatibile con la conservazione della biodiversità,
come indicato nella Misura 13 delle Linee guida del PAN (di cui al DM 10/3/2015).  

Il confronto (biologico vs convenzionale – in 24 aziende), ha studiato i bioindicatori
selezionati lungo la rete trofica degli agroecosistemi, dalla flora
e dalle comunità edafiche fino ai pipistrelli (pedofauna, artropodi terrestri, flora, vegetazione,
flora di interesse apistico, apoidei, lepidotteri ropaloceri, odonati, anfibi, sauri, uccelli e chirotteri);
ed analizzato campionamenti di acqua e di suolo per il rilevamento di residui dei prodotti fitosanitari
utilizzati dalle aziende e della loro ecotossicità, per definire le caratteristiche fisico-chimiche dei suoli.

I risultati, messi in relazione evidenziano che le comunità vegetazionali e animali
sono strutturate meglio e sono più complesse nei campi biologici
rispetto a quelli convenzionali.
per saperne di più :
"nella Rete"
Tra i maggiori problemi che affliggono il pianeta
oggi ci sono la perdita di biodiversità, i cambiamenti climatici, la povertà, l’acqua,
e la fame nel mondo.

Il Programma di ricerca RISO RESILIENTE, partendo da uno dei beni indispensabili
per la sopravvivenza del pianeta: i semi, intende contribuire ad affrontare questi temi attraverso
lo sviluppo di sementi che, grazie anche alla loro capacità di adattarsi ai cambiamenti climatici,
possano produrre cibo sano per le popolazioni presenti e future.

Dal 2019 Una Garlanda partecipa al progetto "Riso Resiliente"
dove agricoltori da soli o con il supporto di tecnici e ricercatori,
collaborano nel selezionare le sementi all’interno di "popolazioni evolutive".

Una selezione "partecipata" che contemporaneamente sperimenta un modello di agricoltura
e adattamento specifico di semi coltivati senza sostanze di sintesi chimica
genera benefici a medio e a lungo termine: aumentando la capacità degli agricoltori di rispondere,
in modo dinamico, a nuove richieste del mercato, contribuendo ad una dieta più sana e completa,
contrastando la comparsa di nuove malattie o insetti in campo....



1-incontro-con-Salvatore-Ceccarelli-e-il-tim-di-Rete-Semi-Rurali.jpg
grandericerca.jpg
locandina-del-progetto.jpg
parcelle-in-maturazione.jpg
visita-valutativa-(2).jpg
visita-valutativa-(4).jpg
visita-valutativa-(5).jpg
I volontari che contano le farfalle!
Le farfalle sono insetti impollinatori meravigliosi!!!,
facilmente riconoscibili da tutti che possono, grazie alla naturale sensibilità ai cambiamenti ambientali
(come il cambiamento climatico o dell'habitat), servire come bioindicatori della salute
di praterie, boschi, zone umide e anche aree coltivate.

Una Garlanda è partner https://butterfly-monitoring.net/italy-bms nel progetto ABLE
(Assessing ButterfLies in Europe)  basato su Il sistema europeo di monitoraggio delle farfalle
(eBMS: butterfly monitoring scheme) iniziato nel Regno Unito nel 1976
e ora composto da migliaia di volontari in oltre 20 paesi in Europa.

Passeggiando tra le risaie impariamo così
a riconoscere le farfalle che volano attorno a noi;
un piccolo contributo che ci fa diventare, a livello Europeo,
custodi della loro salvaguardia!

eBMS è un partenariato delle seguenti organizzazioni: il Consiglio per la ricerca sull'ambiente naturale (che agisce attraverso il Centro per l'ecologia e la Idrologia), Butterfly Conservation UK, Helmholtz-Zentrum für Umweltforschung GmbH – UFZ, De Vlinderstichting, Catalonia BMS, Finnish Environment Institute (SYKE), Butterfly Conservation Europe (BCE), Istituto di ricerca Natura e Foresta (INBO), Muséum National d'Histoire Naturelle (MNHN) CNRS-UPMC, Università di Lund, National Biodiversity Data Centre (NBDC) Irlanda, Luxembourg Institute of Science and Technology (LIST), ZERYNTHIA Association, Facultad de Ciencias de la Universidad Autónoma de Madrid, Društvo za Proučevanje a Ohranjanje MetulJev Slovenije, Rete ungherese di monitoraggio dei lepidotteri nell'ambito della Jozsef Szalkay Hungarian Lepidopterists' Society, Zoolab Department of Life Sciences and Systems Biology University di Torino e TAGIS - Centro de Conservacao des Borboletas de Portugal. L'eBMS e tutti i regimi nazionali sono in debito con tutti i volontari che contribuiscono ai dati del programma.

Il BMS italiano è coordinato da Simona Bonelli (Università di Torino), Leonardo Dapporto (Università di Firenze) e Stefano Scalercio (CREA-Centro di Ricerca per la Silvicoltura e il Legno)

Programmi di monitoraggio delle farfalle di sviluppo in Europa:

Uniamoci ALLA RETE EUROPEA DI MONITORAGGIO DELLE FARFALLE!
20200328_114048.jpg
20200328_120044.jpg
20210326_131223.jpg
Az.-Una-Garlanda-foto-per-Michela.jpg
DSC_0020.jpg
DSC_0135.jpg
frafallaIMG_8356.jpg
IMG_3304.jpg
IMG_8354.jpg
Lycaena-a-Maggio-(4).jpg
Uova-di-Lycaena-(3).jpg
Torna ai contenuti